CI SIAMO TRASFERITI SU TUTTOTECH.NET

Apple: da febbraio necessario il supporto 64-bit per le applicazioni iOS

Apple A8

A partire da domenica 1 febbraio 2015, tutte le nuove applicazioni iOS inviate ad Apple per l’approvazione necessaria alla pubblicazione sull’App Store dovranno vantare il supporto all’architettura 64-bit.

A renderlo noto è stato lo stesso produttore statunitense che, rivolgendosi agli sviluppatori, ha anche fornito qualche consiglio pratico per rendere tale requisito più semplice da ottenere.

Ricordiamo che Apple è stata la prima azienda ad implementare su uno smartphone un processore a 64-bit: risale al 2013, infatti, il lancio dell’iPhone 5s con la sua CPU A7.

Se le applicazioni ufficiali sono state riscritte per supportare la nuova architettura, lo stesso non può dirsi per la maggior parte dei programmi di terze parti.

Con il lancio di iPhone 6 e iPhone 6 Plus (animati dalla CPU A8, sempre a 64-bit), il produttore statunitense ha deciso di spingere gli sviluppatori a darsi da fare.

Apple prepara una nuova rivoluzione? Staremo a vedere.

Via

Commenti

Ti invitiamo ad usare toni consoni e di rimanere in tema all'argomento trattato, in caso contrario, il sistema automatico potrebbe oscurare il tuo messaggio e potrebbero trascorrere fino a 48h per la verifica ed un'eventuale autorizzazione.
TuttoiOS si riserva comunque il diritto di allontanare le persone non adatte a tenere un comportamento corretto e rispettoso verso gli altri.

Top